Realizzazione Siti e Portali Web – Wordpress CODING – Mobile APP – Consulenze SEO – Web design – Ecommerce

Guida ai Permalink WordPress

La piattaforma CMS WordPress ha consentito a milioni di persone di sviluppare un proprio sito personale o azinedale senza conoscenze di programmazione e di html.

Con WordPress, ciascuno è libero di personalizzare in tutto e per tutto il proprio sito web e, pur senza competenze in materia SEO, di trovarsi indicizzato nelle SERP di Google. Una delle caratteristiche che ha reso WP, soprattutto all’inizio, così performante sotto il profilo dell’indicizzazione ( leggi :Domanda SEO: Google ama WordPress? ) è proprio la funzione di riscrittura degli URL delle pagine con i “Pretty Permalink“.

Cosa sono i Permalink?

Tutte le pagine web hanno un URL( unique Uniform Resource Locator ) che viene digitato (direttamente o indirettamente) dagli utenti nella barra di navigazione del proprio browser per raggiungere la pagina sul web. Gli URL delle pagine hanno formati molto vari, ma il “pattern” presente nel 99% dei casi contiene il nome del dominio e la sua estensione ( ad esempio softrade.it), poi uno “slash” ( / ) e poi uno specifico URL che identifica univocamente la risorsa all’interno del dominio. L’ URL è anche chiamato “permalink”.

Come implicito nel termine, un permalink è un link permanente che si riferisce ad una specifica risorsa ( pagina) presente sulla rete, all’interno del dominio. Il concetto di “Link permanente” è molto importante da comprendere: in realtà non è vero che non si possa modificare nel tempo un URL, è però vero che il farlo comporta seri problemi e può causare una perdita di traffico guadagnato nel tempo. Questo perchè se la pagina è stata linkata da altri siti o entra nelle pagine delle ricerche di Google, essa è riconosciuta ed è raggiungibile con un determinato URL, quello originario esistente al momento dell’indicizzazione della pagina o della pubblicazione del link verso di essa da parte di un altro sito.
Se l’URL viene modificato rende di fatto il link “rotto” e la risposta sarà una “pagina non trovata”, per questo è molto importante determinare bene il permalink alla pubblicazione e lasciarlo stabile nel tempo, in questo modo potrà raccogliere tutti i link in entrata  e mantenersi e migliorare nel posizionamento in SERP.

Vi sono tecniche per modificare gli URL delle pagine senza perdere il posizionamento e i link, ma le affronteremo in altri articoli.

L’uso di linguaggi di programmazione dinamici (come PHP o C# )  rende possibile l’utilizzo di variabili nelll’URL come vedremo in seguito e ciò rende consente la creazione di URL complessi, utili ai fini delle funzionalità della pagina ma molto poco “friendly” sia per un utente che per Google stesso. Come detto WordPress (ma anche altri CMS) rende possibile la creazione di link più leggibili che sono conosciuti come “pretty URLS” o “pretty permalink”  per le sue pagine in modo da renderli SEO-friendly e USER-friendly.

La struttura di default dei permalink di un’installazione wordpress è la seguente:

[label style=”1″]https://softrade.it.com/?p=N (dove N è un numero)[/label]

Ovviamente questa struttura non è molto attraente e non dice nulla riguardo al contenuto della pagina. Da utente è preferibile visualizzare un URL più interessante del tipo:

[label style=”1″]https://softrade.it/quale-la-differenza-fra-jpg-png/[/label]

che ci dice già molto riguardo il contenuto che troveremo..con wordpress è possibile modificare la struttura dei permalink in vari modi…

Scegliere la struttura dei permalink WP

Nella dashboard di amministrazione usate il link nel menu di sinistra Impostazioni > Permalink. Qui potete vedere le varie possibilità di modifica della struttura dei permalink.

Alcuni esempi:

[label style=”1″]https://softrade.it/2016/10/28/post-title/ [/label] – Questa struttura rappresenta una struttura gerarchica basata sulle date

[label style=”1″]https://softrade.it/1234/post-title/ [/label] – Questa struttura riporta l’ID dell’articolo nell’url e può essere ritenuta vantaggiosa in termini di prestazioni perchè consente query più rapide basate sulla colonna ID del database che è un indice primario. è consigliabile per siti / blog con molte migliaia di articoli

[label style=”1″]https://softrade.it/sport/post-title/ [/label] -Questa struttura riporta la categoria di appartenenza del post all’interno dell’URL, può essere utile in siti di grandi dimensioni ma può provocare contenuti duplicati e quindi va usata con attenzione

Quale struttura dei permalink utilizzare in un sito web?

  • Mantieni il permalink più semplice possibile. usando %postname% questo è praticamente garantito. Esempio: https://softrade.it/plugin-wordpress
  • La lingua italiana fa largo uso di preposizioni e articoli, questi si posssono tranquillamente escludere dall’url . per modificare il permalink attribuito di default da WP al post è sufficiente clicccare su “modifica” in alto accanto al permalink generato e modificarlo poi cliccare su “ok”. Importante sostituire gli spazi vuoti con il dash (-) e non usare caratteri speciali.modifica-permalink-worpress
  • Abituati a utilizzare keyword rilevanti che migliorano le performance SEO delle tue pagine.

L’uso dei permalink può migliorare le performance SEO?

Assolutamente si, come detto in precedenza l’utilizzo dei “pretty URL” è una feature molto importante di WordPress che ne ha decretato il successo fin dall’esordio. I motori di ricerca ( google su tutti ovviamente ) utilizzano algoritmi per determinare la rilevanza e la qualità della pagina in relazione alle chiavi di ricerca. l’URL della pagina rientra fra i fattori più importanti per un buon posizionamento e di conseguenza l’uso di buoni permalink può fare realmente la differenza nel ranking della pagina stessa. Anche l’utente può trovare più naturale cliccare su una pagina con un permalink esplicativo piuttosto che su uno in cui i parametri non sono semanticamente rilevanti.

Le strutture dei Permalink in WordPress

La struttura dei permalink viene determinata con un pattern ben specifico ( modificabile condizionalmente attraverso funzioni evolute lato codice  o plugin) nella pagina Impostazioni > Permalink
Ecco alcune permalink structures che si possono utilizzare

  • %year% – anno (2016)
  • %monthnum% – mese (10)
  • %day% – giorno (Friday)
  • %hour% – ora (12)
  • %minute% -minuti (25)
  • %second% – secondi (35)
  • %post_id% –  ID del post (120)
  • %postname% – titolo del post (“Mappa delle web agency italiane” diventa “/mappa-delle-web-agency-italiane/”)
  • %category% – Nome della categoria
  • %author% – autore

Personalmente consiglio di utilizzare una struttura di permalink fondata su [label style=”2″]%postname%[/label] o in alternativa [label style=”2″]%postname%/%post_id%[/label] per migliorare le prestazioni del caricamento per siti di grandi dimensioni. Anche possibile [label style=”2″]%post_id%/%postname%[/label] ma è mia opinione che mantenere le keywords più vicine alla radice del dominio ( dopo il primo slash [/] ) dia migliori garanzie sotto il profilo SEO

Related posts

Leave a Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.




Top