Domanda SEO: Google ama WordPress?

E’ una domanda che da tempo mi sono posto: possibile che questa strana coppia Google-Wordpress sia in una sorta di luna di miele? E’ una domanda a mio avviso legittima, visto che scorrendo SERP per le più disparate keyphrases si può notare una predominanza abbastanza evidente di risultati ospitati su piattaforma WP.

Quali le possibili risposte?

  • WordPress, con i template responsive  funziona molto bene su dispositivi mobili
  • L’architettura del framework è un’architettura estremamente “logica”
  • WP consente di intervenire su parametri SEO anche se non direttamente dal  Core ma con plugin o via codice
  • WordPress è performante: una buona organizzazione e un utilizzo oculato dei plugin consentono di ottenere buoni punteggi Pagespeed

Tuttavia tutto ciò non è sufficiente a sostenere che google ami wordpress sotto il profilo SEO: un motore di ricerca non discrimina il “marchio” premiando o penalizzando l’una o l’altra piattaforma. E’ invece certo che Google premia il “formato” delle pagine che risultano come output di un buon sito fatto con WordPress, a condizione che si rispettino i dettami fondamentali di un buon SEO:

  • “Content is king”: scrivere contenuti di qualità è la regola fondamentale dell’ottimizzazione delle nostre pagine
  • Il tag <title>: dopo il contenuto è il parametro SEO più importante per la pagina: il nostro marchio a fuoco
  • Il tag <description>: niente duplicati e grande attenzione..dobbiamo ricordarci che questa frase è quella che sarà letta nelle pagine SERP dove ci sono anche i nostri competitors..quindi non serve a molto essere nei primi posti con una brutta description! (per ottimizzare la description è necessario utilizzare un plugin)
  • Url friendly! basta url incomprensibili, rendiamo tutto più ‘pretty’ con .htaccess e mod_rewrite
  • Formattazione del testo con heading h1, ordine e correzioni ortografiche
  • Link testuali con anchor text attinenti ad altri articoli per un buon linking interno
  • Tag <alt> e <title> sulle immagini!

Niente di nuovo quindi? Esatto, niente di nuovo ! però riflettendo bene sulla lista qua sopra possiamo affermare che WordPress nel suo backoffice prevede tutte le caratteristiche descritte e semplifica al massimo  il SEO  rendendolo a portata di tutti. Per fare SEO con WordPress  è infatti sufficiente seguire il percorso logico dell’inserimento di contenuti nel backoffice e l’ottimizzazione di un sito web diventa estremamente naturale..

tag title e friendly url sono facili da gestire con wordpress

E' facile inserire link a contenuti esistenti o risorse esterne con WPInserire alt e title nelle immagini WP

Ho accennato sopra alla necessità di utilizzare un plugin per la gestione delle “description”. Laddove non utilizzato il tag <meta name=”description” content=”…”> google andrà a leggere le prime righe della nostra pagina o una porzione di contenuto a sua scelta da fornire nelle SERP insieme al “title”, tuttavia è buona norma utilizzare il tag description sia per rafforzare il contenuto semantico della nostra pagina, sia -e soprattutto- per rendere più accattivante al lettore il link alla nostra pagina e indurlo a cliccare per entrare nel nostro sito. Il core di WordPress non mette a disposizione un tool per questa finalità quindi dobbiamo affidarci ad un plugin esterno. Da molto tempo utilizzo All in one Seo Pack che a mio avviso offre tutte le funzioni necessarie per migliorare e completare le funzioni SEO del core di WP. Fra le altre cose mette a disposizione i collegamenti diretti con WMT e Analytics, offre il supporto per le sitemap XML, fornisce il supporto per i Custom Post Type e gli url “canonical” e molto di più.

 

 

(713)

Articoli correlati:

Tagged under:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× Supporto Live

Al momento siamo offline. Potete contattarci via email..